mercoledì 9 aprile 2008

IL MEGLIO DELLA GRAFICA GIAPPONESE


A volte l'arte si nasconde nei piccoli oggetti quotidiani. O se non poprio l'arte quantomeno il gusto per il disegno, la grafica, l'immagine. E in Giappone i beni di largo consumo beneficiano di un'attenzione particolare per tutto ciò che riguarda il packaging. Lo si può ben comprendere sfogliando questo bel volume (dal prezzo ridicolo per il suo numero di pagine, più di 350) sulla grafica giapponese, ove sotto il termine “grafica” vengono raccolti poster, pubblicità, cover di riviste, bottiglie, lattine, scatole di dolciumi e molto altro ancora. La quantità di “grafiche” raccolte rende difficile riassumere in poche righe i contenuti del volume, le sue suggestioni, ma certo si rimane colpiti dall'eleganza sobria e funzionale che caratterizza il packaging, contrapposta all'affollamento di messaggi presenti sulle cover delle riviste. In ogni caso, risulta evidente quanto in Giappone si presti cura nella creazione dei “messaggi” che ogni campagna pubblicitaria, ma anche ogni prodotto, deve lanciare ai suoi potenziali “riceventi”. In una società sovraffollata, di persone come di stimoli, solo chi riesce più efficacemente a comunicare può raggiungere il proprio obiettivo, pubblicitario o pratico che sia. Ecco quindi che una scritta, una font, la curva di un collo di bottiglia, il colore di una scatola di saponette divengono dettagli importantissimi. Un libro ipnotico.

GISELA KOZAK & JULIUS WIEDEMANN, Japanese Graphics Now!, Taschen, 9,99 euro

1 commento:

Sax ha detto...

Concordo assolutamente con te,caro davide!Questo è proprio un libro ipnotico...l'ho comprato un anno fa e continuo a sfogliarlo come se non l'avessi mai avuto prima.
Quando la confezione è così bella da superare lo stesso contenuto,siamo di fronte ad un opera d'arte!
Consigliatissimo a tutti gli appassionati di grafica e Giappone!